Padre Giulio M.Scozzaro 2-1-20

La Grazia di Dio eleva la natura umana

---------- Messaggio originale ----------
Da: Padre Giulio Maria Scozzaro <newsletter@gesuemaria.it>
A: asdpantatours@libero.it
Data: 2 gennaio 2020 alle 14.54
Oggetto: La Grazia di Dio eleva la natura umana

Giovedì 2 gennaio 2020                                         Tempo di Natale

+ VANGELO (Gv 1,19-28)

Dopo di me verrà uno che è prima di me.

 

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e leviti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il Profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il Profeta Isaia». Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il Profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, Colui che viene dopo di me: a Lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo». Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando. Parola del Signore

 

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro

La testimonianza di Giovanni Battista è come una perla preziosa e raro valore, per questo se ne ascoltano poche di simili. Solo le Anime grandi hanno un basso sentire di sé, la consapevolezza che tutto è dono di Dio e quanto compiono di buono e straordinario è permesso sempre da Dio.

Questo non sminuisce i talenti della singola persona, la Grazia di Dio non umilia la natura umana ma la eleva, la impreziosisce, la migliora rispettando la volontà e le attitudini di ciascuna persona.

Ci sono molti atei ingegnosi e talentuosi in molte materie, scienze e branche, hanno talenti che la natura umana non fornisce a caso né è possibile acquisirle senza il potere che viene da Dio. Tutto il Bene, quindi, arriva da Dio, solo che gli atei non si interessano né gradiscono sentire questa verità.

La maggiore vicinanza a Gesù permette l’acquisizione del suo Spirito, queste parole incidetele nel cuore e nella mente.

Nessuno si illuda di riuscire a compiere determinate opere buone o di giungere ad alti gradi nella sua professione senza quelle qualità e attitudini ricevuti gratuitamente da Gesù Cristo. Da qui la ragione di uno scritto di San Tommaso d’Aquino, il più grande teologo della Chiesa.

Egli ha insegnato che tutti dobbiamo ringraziare il Signore per quanto ricevuto nella vita, per il bene e le capacità naturali connesse, soprattutto per il benessere ottenuto grazie ai talenti innati che hanno facilitato e favorito il successo.

Per questo, i beni materiali che abbondano vanno distribuiti ai poveri o donati per cause giuste. Solo i buoni però sono in grado di donare parte dei loro beni, essi pregano e comprendono che tutto il bene che hanno è arrivato da Dio, lo ha permesso, ha dato i talenti per ottenerlo, quindi, per ringraziare Dio donano fanno donazione per le opere buone. Questo gesto si compie dove c’è vera spiritualità e distacco dalle cose materiali.

Tra i protestanti ricchi o benestanti è una prassi donare mensilmente parte dei loro guadagni. Tra i cattolici non c’è questa santa usanza.

Gesù desidera una vita dignitosa per tutti e ha ricolmato di doni e talenti ogni uomo e ogni donna. Non sono tutti uguali questi doni, Dio sa bene prima ancora del concepimento nel grembo della madre di una nuova creatura, quali doni dare e verso quali interessi deve orientarla.

Influiscono anche i genitori, il bambino fecondato riceve nello stesso momento l’eredità genetica, già è stato stabilito il colore degli occhi e dei capelli, l’altezza e altre caratteristiche. Ma i talenti spirituali e altri pratici li dona Dio.

Sono molti gli uomini che non hanno preso consapevolezza dei loro talenti, le ragioni sono molte e misteriose, che partono dal disinteresse della propria persona, dall’indirizzo scolastico intrapreso, dal lavoro che si svolge senza averlo potuto determinare. I professionisti hanno scelto e quasi tutti sono gratificati, non vanno però a ricercare l’esistenza di altri talenti forse migliori, quasi tutti non ringraziano Dio dei loro talenti.

La vera realizzazione di una persona appare dalla spiritualità che vive, come vive, dalla sua onestà e dalla coerenza. Avvicinarsi a Gesù significa assumere la sua immagine spirituale, diventare come Lui e perseguire le identiche finalità nelle circostanze della vita.

Giovanni Battista con le sue poche parole ci dà un insegnamento capace di cambiare la vita di chi non prova a conoscersi bene o di chi si illude di conoscersi bene. «In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, Colui che viene dopo di me: a Lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo».

Egli non accetta la gloria e l’elogio degli uomini, qui c’è la sua grandezza e solo chi è in comunione con Gesù riesce a pensare bassamente di sé.

Tutti noi di questa Parrocchia virtuale stiamo camminando sulle stesse impronte di Gesù, non vogliamo fare altro di quanto ci viene indicato da Lui nel Vangelo. Seguendo Gesù scopriamo le virtù da praticare e il suo indispensabile aiuto per diventare persone nuove, animati dallo Spirito di Dio.

Ringrazio quanti mi hanno augurato un Santo Anno, ringrazio molti della donazione mensile che inviano per il completamento della costruzione della Casa di Preghiera, e queste donazioni evidenziano la loro piena adesione al progetto della Madonna, qui nel luogo dove vivo.

Sono moltissimi i messaggi ricevuti, ne pubblico alcuni per la condivisione che tanto vi piace. La nostra Parrocchia virtuale è viva e forte.

 

«Caro Padre volevo farvi sapere che ho detto a mio figlio come mi avevate detto, che avrebbe dovuto lasciare il lavoro di domenica e che sta commettendo un grave peccato. In quel momento mi guardò e non disse nulla, pochi giorni dopo venne da me e mi disse: mamma lascerò il lavoro di domenica. Vi ringrazio caro Padre per i vostri santi consigli e le vostre preghiere, quando  mi  consigliate è per me come se mi immergessi in un pozzo di calore e di amore, in quel momento mi sento così vicino alla Madonna come se fossi in piedi davanti a me. Grazie per avermi dato la sensazione di essere molto vicino a me anche se siete molto lontano. Mi affido alle vostre preghiere. Che Dio vi benedica. Carissimi saluti Claudia e tanti saluti anche da Franco (Germania)».

 

«Sarò felicissima di poterla aiutare con un'offerta anche per ringraziarla del bene che fa a noi fedeli con questa preziosa newsletter quotidiana. Grazie di cuore per entrare nelle nostre vite e farci riflettere, pregare e continuare a sperare  nonostante nella società le cose peggiorino sempre più. Che Dio e la Madonna la proteggano e ce la conservino ancora per tanto tanto tempo. Grazie e buona giornata. Veronica Pogliani».

 

«Caro Padre Giulio sono diversi anni che ho un appuntamento fisso con le sue splendide omelie, le ho inviato un bonifico giorni fa e l'ho fatto perché ho sentito questo dal cuore. Grazie di esistere nella vita di tanti che la seguono e di darci conforto in questi tempi bui con stima e gratitudine, Anna Stefania Vinella».

 

«Il Signore benedica anche lei Padre Giulio e grazie di vero cuore per tutto il bene che ci fa'. Ogni giorno lei entra con la Parola di Dio nella nostra vita e per questo è diventato un membro della nostra famiglia. Santo Natale. Emanuela».

 

«Sarò lieta di contribuire alla realizzazione del suo progetto! Ne approfitto per ringraziarla per la parola che diffonde giornalmente... quante cose sto imparando! Ah se fossimo vicino, quante altre cose le chiederei! Non è facile al giorno d'oggi trovare uomini di Dio come lei, nemmeno per la confessione ahimè, per non parlare di una direzione spirituale... Che Dio la benedica e la protegga sempre. Pace e bene! Liliana».

 

«Carissimo Padre Giulio, non sono molto brava con le parole ma dal più profondo del mio cuore le auguro un gioioso, allegro e ponderoso Natale e per il nuovo anno tanta felicità, serenità e soprattutto buona salute a Lei e a tutti i suoi cari! Gesù e Maria la proteggono e la benedicano santamente! Inoltre vorrei ringraziarla infinitamente per il Vangelo e sopratutto per le Omelie che da ormai circa 10 anni mi fanno compagnia, mi hanno aiutata a crescere e mi hanno cambiato la vita. Le sono immensamente grata per il suo profondo Apostolato e amore nei miei confronti e nel confronto di tutti i fratelli che fanno parte di questa Parrocchia virtuale! Le chiedo una preghiera per mio marito e i miei due figli duramente ostinati alla volontà di Dio.  Grazieeeeeee mille. Con sincero affetto, Justina Maissen».

 

1 Ave Maria per Padre Giulio

 

P.S.= Vi invito a recitare questa breve preghiera per una mia intenzione.

 

“O Augusta Regina del Cielo e Sovrana degli Angeli, a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana, io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni, li combattano, reprimano la loro audacia, liberino da ogni male e li respingano nell’abisso. Amen”.

 

Nel nostro sito numerosi articoli interessanti, libri e altro:  www.gesuemaria.it

 

 

Atto di consacrazione personale

e di riparazione al Cuore di Gesù

O Cuore dell’amatissimo mio Gesù, Cuore adorabile e degno di tutto il mio amore, io, acceso dal desiderio di riparare ed espiare le offese sì numerose e tanto gravi a Te fatte, ed anche per non macchiarmi io stesso, per quanto mi è possibile, della colpa di ingratitudine, Ti offro il mio cuore con tutti i suoi affetti, anzi Ti do e consacro tutto me stesso.

O Gesù, amore dell’anima mia, spontaneamente io offro al Tuo Cuore tutto il valore soddisfattorio che potranno avere le preghiere, gli atti di penitenza, di umiltà, di obbedienza e di ogni altra virtù che farò durante tutta la vita, sino all’ultimo respiro: accettali per quanto sia poco e assai misero quello che io Ti offro.

 

 

Per la Santa Chiesa e per i Sacerdoti

O Gesù mio, ti prego per la Chiesa intera: concedile l’amore e la luce del tuo Spirito, rendi efficaci le parole dei Sacerdoti, affinché spezzino anche i cuori più induriti e li facciano ritornare a Te, o Signore.

Signore, dacci Sacerdoti Santi, e Tu stesso conservali nella serenità.

Fa che la potenza della tua Misericordia li accompagni dovunque e li custodisca contro le insidie che il demonio non cessa di tendere all’anima di ogni Sacerdote. La potenza della tua Misericordia, o Signore, distrugga tutto ciò che potrebbe offuscare la santità del Sacerdote, perché Tu sei Onnipotente.

Ti chiedo, Gesù, di benedire con una luce speciale i Sacerdoti dai quali mi confesserò nella mia vita. Amen.

 

 

Consacrazione dell’Italia

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, tu hai sempre guardato all’Italia con quello stesso occhio di predilezione con cui l’ha guardata il tuo figlio Gesù.

Tu hai voluto questa terra disseminata dei tuoi Santuari.

Te la consegniamo, questa nostra Patria: sia sempre tua e del tuo Figlio; custodiscila.

Sia pura la Fede, siano buoni i costumi, siano ordinate le famiglie, sia cristiana la scuola; e regni la giusta pace tra tutti.

Che questa Italia continui a svolgere e compia sempre meglio la sua missione: di essere centro vivo ed operante di civiltà cristiana.

 

Sostieni l’apostolato per Gesù e Maria.  Aiuta con donazioni la diffusione del Vangelo, la Parola di Vita che salva le anime e guarisce le malattie. Il nostro apostolato è vastissimo e non abbiamo fini di lucro, abbiamo bisogno di offerte per sostenere tutte le spese. Aiutaci a continuarlo secondo il Cuore di Gesù. Il nostro forte impegno vuole far conoscere Gesù ovunque e diffondere la vera devozione alla Madonna. Vogliamo diffondere e difendere la sana dottrina della Chiesa. Il vostro contributo economico è un segno di stima e di amore, manifestazione di vicinanza e di Fede. Diventa anche tu difensore dell’unica Chiesa fondata da Gesù. “Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,16).

http://www.gesuemaria.it/chi-siamo/sostienici.html

 

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.

Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.

 

Proposito

Devo impegnarmi in ogni giorno dell’anno a fare apostolato, parlando di Gesù e della Madonna, donando libri spirituali e le Medaglie Miracolose.

 

Pensiero

La preghiera vale molto, il sacrificio è tutto. (Beato Edoardo Poppe)

 

 

Per superare le prove dolorose, non soccombere dinanzi gli attacchi dei nemici e ricevere Grazie particolari, anche miracoli impossibili, vi consiglio di recitare ogni giorno la preghiera efficace, già utilizzata da decine di migliaia di fedeli. Sono migliaia le testimonianze di guarigioni e di liberazioni da attacchi malefici, moltissimi hanno superato prove difficili e ottenuto Grazie. Recitatela ogni giorno, è un potentissimo atto di Consacrazione alla Madonna. Potete stamparla dal nostro sito:

http://www.gesuemaria.it/apostolato/efficace-preghiera.html

 

Continuiamo a recitare ogni giorno il Santo Rosario alle ore 16 e alle ore 21 in comunione di preghiera, già siamo moltissimi a partecipare a questa cordata spirituale. Possiamo pregare in comunione di amore nelle stesse ore, recitando il Santo Rosario ogni giorno secondo le intenzioni della Madonna. Ognuno decide se partecipare alle due Corone oppure a una delle due. L’importante è recitare almeno una Corona al giorno in comunione con Gesù, la Madonna e tra noi. Vi assicuro che le benedizioni saranno abbondanti e chi cerca Grazie le potrà ottenere con maggiore facilità, perché pregando insieme, la preghiera diventa potente.

 

Per leggere tutti gli altri commenti

http://www.gesuemaria.it/meditazioni-di-padre-giulio-maria-scozzaro-sul-vangelo-del-giorno-anno-2012.html